Il Disciplinare del Parmigiano Reggiano Dop e le tecniche di allevamento delle mucche.

Il latte contenuto del Parmigiano Reggiano Biavardi Bio:

Amore per la terra e per i nostri animali.

Amore in agricoltura significa cura e passione. La cura e la passione di coloro che, nei secoli misero a punto il disciplinare del Parmigiano Reggiano si somma al nostro amore quotidiano per la terra e per i nostri animali.

La stabulazione libera

D’inverno le nostre mucche si possono muovere in relativa libertà all’interno di ampi box, al protetto della stalla. Invece, nella bella stagione, possono uscire all’aperto. Con l’arrivo delle giornate tiepide cominciano a pascolare libere in ampi spazi protetti da paddock. Infatti, il disciplinare del biologico prescrive che seppur ampi i pascoli debbano essere recintati. La delimitazione del pascolo serve a evitare che le mucche possano attingere ad alimenti non controllati. Bio Biavardi viene fatto con mucche allevate a stalla aperta e con la stabulazione libera invernale.

L’allevamento estensivo ha una minor impronta ecologica. Inoltre, garantisce alle nostre vacche una salute migliore e questa si riverbera in un latte ottimale.

Pascoli e anche fieno autoprodotto

I fieni che alimentano le nostre mucche sono privi di insilati. Gli erbaggi sono autoprodotti al massimo del possibile per quanto consente l’estensione dei nostri pascoli. Infatti, il nostro obbiettivo è minimizzare l’impronta ecologica con una produzione perfettamente circolare.

II disciplinare del Parmigiano Reggiano, amore per la terra e per i nostri animali.
Chi lo dice che un po’ d’amore della famiglia Biavardi non si riversi nei loro prodotti.

Il disciplinare del Consorzio Parmigiano Reggiano

La tecnologia di produzione del Parmigiano Reggiano esclude l’uso di additivi, esclude anche quelli di origine naturale
Diventeranno Parmigiano-Reggiano quelle forme di formaggio ottenute con latte munto da bovine alimentate solo con fieni ad erba ( sono esclusi i foraggi insilati, di mais o fermentati). Diventerà il re dei formaggi solo se questo latte verrà trasformato secondo standard produttivo, se la forma dopo lunghi mesi di scalera, supererà l’esame. I tecnici esperti del Consorzioi del Parmigiano Reggiano la sottoporranno a un severo controllo codificato nel regolamento di marchiatura. .
Se la singola forma supererà la valutazione selettiva, verrà apposta sulla forma stessa la marchiatura di selezione: vale a dire il bollo ovale di qualità destinato alle forme che, a 12 mesi, presentano i requisiti qualitativi previsti dal disciplinare di produzione.

Condividi